Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 28 febbraio 2017

"Rock for Life"

| Spettacoli e cultura NOVARA - Si terrà il 4 marzo al Pala Igor il concerto benefico “Rock For Life 2017". L'evento è organizzato da For Life Onlus, presieduta dal direttore della Struttura Radiologia dell’Azienda ospedaliero-universitaria “Maggiore della Carità” Alessandro Carriero, impegnata da dieci anni al fianco dei bambini e dei giovani in difficoltà. Tra i propri collaboratori e fondatori, l’associazione vanta quella della dottoressa novarese Rita Fossaceca, assassinata in Kenya nel novembre 2015, alla quale il Presidente della Repubblica ha conferito la medaglia d’oro al Valore Civile nel settembre dello scorso anno.L'evento è stato presentato a palazzo Cabrino: "L’Amministrazione ringrazia l’impegno dell’associazione For Life onlus per la generosità e l’entusiasmo che dimostra in tutte le iniziative di solidarietà che organizza o nelle quali viene coinvolta - ha detto l'assessore Federico Perugini - Ci auguriamo che da parte dei Novaresi ci sia una grande partecipazione all’evento “Rock For Life 2017”: la musica sarà il linguaggio universale che saprà unire le varie generazioni sotto un’unica bandiera, ovvero l’impegno civile nei confronti delle situazioni di debolezza e di disagio, un obiettivo al quale ci siamo sentiti immediatamente di dare pieno appoggio". Per l’edizione 2016, “Rock For Life” aveva visto salire sul palco ben ventuno tra band e artisti davanti, che si sono esibiti davanti a millecinquecento spettatori paganti.Quest’anno saranno ben ventotto gli artisti e band partecipanti: alle band più giovani sarà dedicata tutta la parte iniziale dello spettacolo. Come lo scorso anno, la partecipazione dei musicisti, dello staff e dei dj è gratuita.La musica sarà di ogni genere: oltre a brani inediti, rock, folk, pop, punk, gruppi di tamburi, rapper, tributi di ogni tipo (Elvis Presley, Rolling Stones, Led Zeppelin, Queen, Iron Maiden, U2) e un tributo speciale per i quarant’anni carriera a Vasco Rossi con la “Rocketti Band”. Tra un gruppo e l’altro ci sarà un dj-set, programmato da Radio Azzurra, che intratterrà il pubblico nei brevi cambi palco. Previste anche alcune sorprese.E’ stata anche incisa una canzone intitolata proprio “Rock For Life” (un pop-rock dedicato alla onlus novarese) che sarà cantata da tutti i cantanti che saliranno sul palco il 4 marzo. L’idea della canzone nasce sia per devolvere il ricavato delle vendite sia come veicolo per promuovere l’evento. Le chitarre acustiche sono suonate da Massimo Luca, storico e straordinario chitarrista di Lucio Battisti e dei più grandi cantautori degli anni Settanta e Ottanta.Il costo dei biglietti, rispetto allo scorso anno, è rimasto invariato a 5 euro: è possibile acquistarli direttamente presso la biglietteria del Pala Igor dalle 19 del giorno dell’evento oppure presso Open Lab Novara (corso XXX Marzo, n. 260), tabaccheria Rutigliano Luca (via Galleria dei Portici, n. 14), Sonny Street Shop (piazza Gramsci, n. 5/a) e studio odontoiatrico Novara Dental (via Grosso, n. 1/a).Lo scorso anno, con il ricavato della serata e delle sponsorizzazioni, For Life  ha potuto finanziare due progetti: il primo per sostenere l’ambulatorio novarese di Suor Nemesia che si occupa di bambini con meno di un anno che necessitano di assistenza, il secondo per finanziare le tasse scolastiche dei bambini dell’orfanotrofio che la stessa associazione ha creato in Kenya. Quest’anno l’intento è di fare qualcosa di concreto ai giovani di Novara e di tutta la provincia: il ricavato, spese escluse, sarà totalmente devoluto alla creazione di borse di studio nelle Scuole musicali a favore degli adolescenti. v.s.  

Alessandro Barbero, premio Strega 1996, a Novara il 3 marzo

| Spettacoli e cultura NOVARA, Alessandro Barbero, docente di Storia medievale e Premio Strega nel 1996, sarà a Novara venerdì  3 marzo per il progetto "Il Convitto incontra", promosso dal Convitto Carlo Alberto. L'appuntamento è dalle 18 all'ex Chiesa di Sant'Agostino  (ingresso in via Mario Greppi). Docente all’Università del Piemonte Orientale, il professor Barbero è uno storico e scrittore esperto in storia militare e storia del medioevo. Il suo romanzo storico “Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo” è stato vincitore del premio strega nel 1996. Collabora con la trasmissione televisiva “Superquark” e “Il tempo della storia”. L’evento, aperto al pubblico e gratuito e dal titolo “La guerra santa: ieri e oggi”,  partirà da un approfondimento sulle crociate fino agli argomenti più recenti.  Il Convitto è in via Baluardo Partigiani, 6, Novara. mo.c.

Ladri in azione all’outlet di Vicolungo

| Cronaca VICOLUNGO, Indagano i Carabinieri su un furto avvenuto domenica pomeriggio in un negozio dell’Outlet di Vicolungo, nel Novarese (foto Martignoni). A essere stato preso di mira, il negozio Tommy Hilfiger. I dipendenti dell’attività commerciale hanno visto alcuni giovani che stavano girando in maniera alquanto sospetta all’interno del negozio. Dopo un po’ il gruppetto, pare composto da tre-quattro ragazzi, è uscito dall’attività commerciale. Le commesse, in quel momento, hanno notato la mancanza di alcuni capi d’abbigliamento. Hanno così lanciato l’allarme, ma del gruppetto non c’era più traccia. Immediata la denuncia ai Carabinieri, che ora stanno indagando sull’episodio. Valore economico della merce sottratta, qualche centinaio di euro. mo.c.

Mostra di quadri di Luca Sturolo al Vegè Market

| Spettacoli e cultura NOVARA, Ancora oggi e domani per visitare l’interessantissima mostra “Lost in the mini market”, esposizione di quadri, opere recenti e non, di Luca Sturolo, artista ligure molto apprezzato. Le sue foto sono ospitate al Vegè Market di via Rizzottaglia 3 a Novara. La mostra è visitabile dalle 7,30 alle 12,30 e dalle 16 alle 19. Intanto il 5 marzo parte un’altra mostra, sempre ospitata al Vegè di Elisabetta Silvestri. Titolo dell’evento è “Una collana di perle”, collettiva artistica dedicata alle donne. Protagoniste sono 8 artiste con i loro splendidi dipinti. Sono Erika Cardano, Marita Cavaliere, Filomena Corsale, Silvy Favero, Eliana Frontini, Giulia Ghigo, Rita Graziani, Rosa Orsina. Presentazione a cura di Federica Mingozzi. L’appuntamento è dalle 16,30 per la presentazione. La mostra resterà aperta sino al 2 aprile. Gli orari: 7,30-12,30 e 16-19, chiuso domenica e mercoledì pomeriggio. mo.c.

Sfilata di Carnevale in città: grande partecipazione

| Novara Città NOVARA, Sfilata di carri riuscitissima, sabato pomeriggio, a Novara. Il clima, per una volta, una delle poche negli ultimi anni, è stato mite e ha permesso una sfilata di Carnevale con i ‘fiocchi’, per il divertimento di tutti, grandi e piccini, che si sono scatenati in lanci di coriandoli e stelle filanti e in tanti, tantissimi scherzi. A guidare il pomeriggio, Re Biscottino, alias Sandrino Berutti, e la Regina Cuneta, al secolo Giusy Sardo. Tanta la gente che ha preso parte alla sfilata, che ha percorso le principali vie del centro, partendo dalla zona di via Generali. Un percorso che ha toccato poi largo Leonardi, corso Torino, via XX Settembre, Barriera Albertina e, quindi, baluardo Quintino Sella, piazza Cavour, Angolo delle Ore, corso Italia, via Omar, piazza Cesare Battisti, via Fratelli Rosselli e grande conclusione nella centralissima piazza Duomo. Qui, in mezzo a simpatiche mascherine, tra damine, regine, fatine, pirati, Uomo Ragno, pompieri e tartarughe Ninja, si sono esibiti i gruppi dei carri partecipanti, giunti un po’ da tutti i quartieri (da Pernate a San Martino, passando per quello allestito dalla Dimidimitri) e, direttamente sul palco, ci sono state le premiazioni per i carri e, in particolare, per la poesia più bella in ricordo di Enrico Occhetti, indimenticabile marchese dei Ranat, maschera per eccellenza di S. Agabio. Al primo posto la 4 A della scuola elementare Don Ponzetto, al secondo la 2 C della Rigutini e al terzo la 1 B della Coppino, tutte classi dell’Istituto comprensivo Bellini, che ha fatto, dunque, en plein. Sul palco, per la premiazione, la moglie di Occhetti, la signora Francesca. E’ seguita una risottata per tutti. Domenica grande festa anche al Centro commerciale. Ultimi appuntamenti martedì 28 con il ballo dei bambini al pomeriggio e in serata appuntamento per i più grandi, al palazzetto di viale Verdi. mo.c. Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola lunedì 27 febbraio

Oggi l’addio a Quinto Leone, ex assessore a Novara

| Novara Città NOVARA, Lutto nel mondo politico novarese. Si è spento a San Bernardino Verbano, dove viveva ormai da qualche tempo, Quinto Leone, 87 anni (era nato nel 1929 a Mondovì, nel Cuneese), in passato a lungo consigliere comunale a Novara e anche assessore. Tra le sue deleghe, in più occasioni, quelle al Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura e alla Polizia. E’ stato consigliere comunale a Palazzo Cabrino sin dal 1970. E poi incarichi come assessore e anche come vicesindaco. I funerali si terranno lunedì 27 febbraio a partire dalle 15 nella chiesa della Beata Vergine Addolorata di Fondotoce, in provincia di Verbania. A Novara aveva abitato per molti anni al Sacro Cuore, dove in molti, ieri – vedendo l’annuncio – si sono ricordati dell’uomo e del politico. Viene ricordato come una persona affabile e sempre pronta alla battuta e con un forte e tipico accento piemontese, delle zone tra Cuneo e la provincia di Torino. E’ stato lui, con l’appoggio della Giunta di allora, a dare il via al rifacimento di tutta la pavimentazione del mercato coperto di viale Dante. E’ sempre stato impegnato in politica sin dalla gioventù. Proveniva dall’Azione Cattolica e aveva iniziato il suo percorso nella Democrazia Cristiana. Negli anni ’90 si è avvicinato alla corrente andreottiana della Dc, dando vita – a Novara – al mensile dal titolo “Concretezza”, come del resto si chiamava l’analogo giornale a uscita nazionale. Politici di riferimento di quella corrente furono Vito Bonsignore per la zona del Torinese e Roberto Formigoni per il Milanese. Diplomato in Agraria, aveva lavorato negli uffici Agricoltura della Regione Piemonte in via Dominioni. Dal 1956 era funzionario dell’Ispettorato Agrario di Novara. Dopo la pensione ha iniziato a trascorrere la maggior parte del suo tempo a Bieno, frazione di San Bernardino Verbano, nel Vco. Lascia la moglie Elisa e il figlio Andrea con Isabella, i nipoti Luca con Sara, Alessandro con Nunzia e il piccolo Davide. Dopo le esequie, Leone sarà tumulato a Rocca de’ Baldi, in provincia di Cuneo. mo.c.  

Dagli studi di Luigi de Gregori alla donazione di Marazza alla comunità di Borgomanero

| Spettacoli e cultura Ne ha parlato giovedì in Biblioteca a Novara lo studioso Giovanni Cerutti. Le sue ricerche su Achille Marazza lo hanno portato al nonno del cantautore. Facendo ricerche su Achille Marazza è uscito lo scoop. E Giovanni Cerutti, direttore dell’Istituto Storico della Resistenza “Piero Fornara” di Novara, lo ha portato alla luce giovedì scorso alla Biblioteca Negroni. «La famiglia del nonno di Francesco De Gregori, Luigi, celebre bibliotecario del Novecento, forse il più importante bibliotecario italiano, era originaria di Pogno». Così parlando della figura di Marazza (che fu esponente del Ppi e poi della Dc, membro del CLN, costitutente e ministro, bibliofilo e mecenate) in occasione della rassegna “Incontri con la storia”, Cerutti ha raccontato come sia arrivato a scoprire le origini novaresi del celebre cantautore. «Marazza lasciò per testamento al Comune di Borgomanero – ancora Cerutti – il parco, la villa e la biblioteca con il vincolo che il parco fosse aperto al pubblico e nella villa avesse sede una fondazione da costituirsi con il nome di “Biblioteca Pubblica e Casa di Cultura”, cosa che si realizzò dopo la sua morte avvenuta nel 1967. Nel 1971 apriva i battenti la Biblioteca Achille Marazza». Ed è proprio partendo dal suo mecenatismo e dal suo amore per la cultura che la storia è venuta a galla. «Facendo le ricerche ho collegato la volontà di Marazza di donare alla comunità il suo patrimonio – continua Cerutti – alla conoscenza, non sono ancora stato in grado di stabilire se anche diretta, dell’impegno professionale di Luigi de Gregori, scomparso nel 1947, collegamento avvenuto attraverso la figura di Virginia Carini Dainotti, importante bibliotecaria con incarichi anche nel Ministero, autrice della prima biografia di Marazza, l’unica pubblicata, con prefazione di Sandro Pertini. Era un’allieva di Luigi de Gregori, il primo in Italia a studiare il modello delle public library americane, oltre ad aver diretto il salvataggio di volumi rari dai bombardamenti e dalle razzie dei tedeschi. Ricostruendo la storia di Marazza mi sono imbattuto in questa figura che era il nonno di Francesco De Gregori: cercando documenti d’archivio per approfondire questo legame, ho scoperto numerosi faldoni e ho potuto risalire alle origini della famiglia. Così incrociando le carte in possesso del cantautore, visto che anche Luigi de Gregori aveva fatto ricerche fissando le origini a Pogno sul lago d’Orta, e quelle dell’archivio parrocchiale di Pogno il quadro diveniva più chiaro. Il primo avo era tal Gio’ Batista nato intorno al 1520 a Pogno: indietro, per ora, non è stato possibile risalire. Da qui discendono tre grossi rami della famiglia: uno si sposta a Varallo Sesia a metà del Settecento e vi rimane 80 anni per poi stabilirsi a Roma dove c’era una folta comunità orginaria di Pogno, presenza testimoniata anche da un piccolo oratorio che sorge all'imbocco della vecchia Cremosina. E di Pogno era originaria anche la famiglia di Ugo Ojetti che fu direttore del Corriere della Sera. A un altro ramo della famiglia apparteneva il canonico Angelo De Gregori, fratello di Carlo, benefattore di Pogno, che morirà a Milano nel 1823. Troviamo un suo ritratto in una delle cappelle che sorgono intorno alla attuale chiesa parrocchiale di Pogno: un volto che assomiglia a Francesco. E in quella cappella c’è anche lo stemma gentilizio di questo ramo della famiglia». Cerutti ha portato alla luce un pezzo di storia che merita di essere approfondito: «Luigi de Gregori era un personaggio eccezionale, una vera autorità in materia: sono usciti molti libri su di lui, incentrati sulle sue innovazioni tecniche nel campo della bibioteconomia, ma rimangono ancora da studiare le sue riflessioni più politiche e culturali. Come è ancora da chiarire se Marazza abbia avuto contatti diretti con chi ha influenzato la sua scelta di donare l’intero patrimonio alla comunità di Borgomanero». Eleonora Groppetti

Opera e musica classica, al Coccia nuovi appuntamenti

| Spettacoli e cultura NOVARA - Nuovi appuntamenti fuori stagione per il Teatro Coccia di Novara. Dopo i già annunciati concerti di musica pop, spazio anche a nuovi titoli di lirica e alla musica classica. Venerdì 22 marzo alle 21 saranno in scena I Virtuosi Italiani diretti dal maestro Matteo Beltrami. Il programma del concerto prevede R. Wagner: Idillio di Sigfrido, G. Puccini: I crisantemi, G. Mahler: Sinfonia n.4 (nella trascrizione di Klaus Simon). Il concerto vanta anche la partecipazione del mezzosoprano Anna Chiara Chiuri. Biglietti dai 15 ai 30 euro. Nuovo appuntamento anche con l’opera lirica: sabato 6 e domenica 7 maggio L’Elisir d’Amore, melodramma giocoso di Gaetano Donizetti su libretto di Felice Romani. L’allestimento sarà firmato dalla regista Laura Cosso e la direzione d’orchestra del maestro Andrea Sanguineti. L’orchestra è quella del Conservatorio “G. Verdi” di Milano, così come i cantanti protagonisti dell’opera e il coro, formato a seguito del Laboratorio Opera Studio organizzato dai docenti del Conservatorio e pensato in collaborazione con il Dipartimento di Canto e Teatro musicale dello stesso. Scene e costumi sono di Elisabeth Bohr. Biglietti in vendita dai 15 ai 30 euro.  Per chi vuole assistere ad entrambi gli appuntamenti è stato pensato uno speciale Abbonamento Elisir+Virtuosi. Il costo varia a seconda del settore: 22 euro (anziché 30) settore verde, 26 euro (anziché 38) settore rosa, 34 euro (anziché 48) settore azzurro, 42 euro (anziché 60) settore giallo. Per ulteriori informazioni e biglietti www.fondazioneteatrococcia.it – 0321233201. v.s.
22-06-2016
| Il rapinatore dell' MD
17-06-2016
| Bullismo: tre misure cautelari nei confronti di tre ventenni 
06-06-2016
| Rave party Granozzo
28-05-2016
| My Sweet Moon Dena 2016
26-05-2016
| Azzurro Valzer trailer
Vai alla sezione Fotogallery completa » Guarda tutti i video »
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
^ Top
"POPUP"