Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 23 giugno 2017

Da sabato gli StreetGames a Novara

| Novara Città NOVARA - Dopo la tappa di Trecate, quella di Novara, da sabato prossimo 24 giugno sino al 2 luglio,  si può tranquillamente definire la grande classica di StreetGames, giunta alla sua quinta edizione.Piazza Martiri sarà il cuore della manifestazione, mentre piazza Puccini sarà interamente dedicata al fitness. In questo contesto verrà organizzata una gara di CrossFit, disciplina che sta crescendo esponenzialmente negli ultimi anni e che è perfetta per un palcoscenico come quello di StreetGames. Infine Piazza Duomo, che  sarà interamente dedicata a quelle società sportive che aderiranno al progetto SG 2017 e che vorranno proporre la loro disciplina anche a chi normalmente non avrebbe occasione di conoscerla. Per la prima volta StreetGames organizzerà anche una gara podistica, il primo Trofeo StreetGames.La rassegna porta lo sport in città e si focalizza sull’integrazione, poiché lo sport è uno strumento per rispondere a diversi bisogni: educazione, tempo libero, benessere fisico, agonismo. Inoltre, l’importante finalità che si prefigge la manifestazione è quella di contribuire alla valorizzazione, sotto l’egida della “Passione Sportiva”, dei territori e dei loro spazi: lo sport contribuisce al recupero degli spazi pubblici e alla difesa dell’ambiente; a vivere la città con maggiore sicurezza; a sentirsi più uniti all’interno della collettività. “#Urbanstyle, Passione Sportiva”: è una filosofia di partecipazione e aggregazione.L’assessore allo Sport Federico Perugini  ha rimarcato come «la città di Novara e l’intero territorio si preparino a rivivere, con questa nuova edizione, un’esperienza che è sempre stata bellissima per gli appassionati di sport, ma anche per tutti i cittadini che ne sono stati anche solo indiretti protagonisti negli anni passati. Per quanto riguarda la città di Novara, nel programma di quest’anno, oltre alle “classiche” sedi del centro cittadino, abbiamo fortemente voluto coinvolgere anche alcuni impianti periferici e nuove associazioni sportive che tradizionalmente non sono mai state inserite all’interno della manifestazione». E in occasione della manifestazione sportiva, l’assessorato al Commercio promuove nuovamente l’iniziativa “Prezzi pazzi per Street Games” "con la quale – come spiega l’assessore Franco Caressa – la Giunta, con propria delibera, ha autorizzato nel periodo dal 24 al 30 giugno l’avvio anticipato del periodo di saldi da parte dei negozi cittadini. Con “Prezzi pazzi” l’Amministrazione, previo confronto con le associazioni di categoria, che ringraziamo per la collaborazione, ha voluto dare un segnale positivo agli operatori commerciali novaresi e arricchire ulteriormente la manifestazione “Street Games”, dando al pubblico la possibilità di unire al divertimento legato agli eventi sportivi anche quella di fare shopping per le vie della città". Le tappe di StreetGames edizione 2017 saranno, dopo i nove giorni nel Comune di Novara, il  7/9 luglio a Omegna e il  14/16 luglio a Torino. Per tutte le informazioni e il programma completo www.streetgames.it, pagina Facebook Streetgames Official. s.d.

Laghi: quattro vele per l’alto Verbano e Orta

| Territorio Novità per la “Guida blu”, che certifica il meglio dei mari e dei laghi italiani,  realizzata da Legambiente e Touring Club italiano. Quest’anno le località marine e lacustri sono state raggruppate in comprensori turistici, e non assegnando le tradizionali vele ai singoli comuni, perché «chi va in vacanza non si ferma al confine amministrativo, ma visita spesso un territorio più ampio optando per modalità di turismo itinerante». L’annuale pubblicazione, presentata a Roma, esamina oltre 100 comprensori, ovvero territori vasti che possono contenere anche più comuni individuati sulla base dei dati raccolti da Legambiente sulle caratteristiche delle qualità ambientali e di quelle dei servizi ricettivi, integrati dalle valutazioni dei circoli locali di Legambiente e dagli equipaggi di Goletta Verde e di Goletta dei Laghi. Per il 2017 sono 21 quelli che hanno ottenuto il riconoscimento delle cinque vele: 15 quelli marini e sei quelli lacustri. In due aree «per criteri di omogeneità» è stata suddivisa la sponda piemontese del Lago Maggiore. Bene l’Alto Verbano e Golfo Borromeo: Cannobio, Cannero Riviera, Oggebbio, Ghiffa, Verbania, Stresa portano a casa quattro vele. Tre invece quelle del Sud Verbano che conferma la fotografia dello scorso anno per Belgirate, Lesa, Meina, Arona e Dormelletto. Nel Cusio solo Orta viene classificata, ottenendo 4 vele. «I criteri di valutazione ambientale sono stati determinanti, rispetto alla notorietà, al paesaggio o all’immagine percepita del comune turistico – sottolinea Roberto Signorelli vice presidente del circolo locale di Legambiente e coordinatore della Guida Blu e della tappa della Goletta dei Laghi per il Verbano - Diverse località molto note dei laghi di Como e di Garda, non avendo raggiunto i parametri ambientali minimi non sono state ammesse e non si trovano sulla guida. Rispetto alla media dei grandi laghi del nord Italia le 3 vele assegnate al sud Verbano piemontese, allineando tutti i cinque comuni ai risultati dello scorso anno di Arona, Lesa e Belgirate, sono un risultato più che apprezzabile. Auspichiamo che il territorio possa continuare il percorso di miglioramento delle perfomance ambientali già iniziato, per raggiungere in breve standard di eccellenza e riconoscimenti formali che ci meritiamo». In questi anni si è passati da un turismo di massa ad un’attenzione all’ambiente e alla sostenibilità. «Le località consigliate nella guida “Il mare più bello” - spiega Rossella Muroni, presidente nazionale di Legambiente - sono state raggruppate in comprensori perché crediamo nelle politiche territoriali, di area e di sistema capaci di unire competenze, risorse e occasioni turistiche». «Uno stimolo anche per le amministrazioni del nostro territorio a fare sistema ed uscire da logiche campanilistiche – commenta Massimiliano Caligara, presidente del circolo di Legambiente “Gli Amici del Lago di Arona – per costruire un’offerta turistica maggiormente integrata sviluppando progetti coordinati, ad esempio sulla mobilità sostenibile e le piste ciclabili». Maria Nausica Bucci

Maturità: vince l’interpretazione ma Giorgio Caproni non convince

| Cronaca NOVARA - Dopo grande attesa e altrettanta tensione, finalmente, ieri, mercoledì 21 giugno, anche gli studenti novaresi di 5ª, per l’esattezza 2.478 ragazzi, hanno affrontato l’ostacolo iniziale della maturità, ovvero la prima prova con il tema di italiano. Noi ci siamo messi sulle loro “tracce”, senza la “i”, e abbiamo chiesto ai superstiti come avessero affrontato quelle proposte dal Miur. Volti stanchi, stravolti dal caldo e dalla fatica ma, dopo la fine della prima prova, almeno un po’ più vicini alla “libertà”.Ora diamo la parola a loro. Fuori dal cancello dell’Istituto tecnico “Fauser” Federico Bobbio ci ha raccontato di aver scelto la tipologia “D” per approfondire «la robotica dal punto di vista del lavoro e anche umanamente». Anche sulle altre tracce è positivo: «Le ho trovate più interessanti di quelle degli altri anni, anche se forse si esaurivano già nel titolo, rendendo più difficile la loro stesura». Riccardo Bello, della stessa scuola, ha invece scelto la traccia di ambito storico-sociale sul miracolo economico degli anni ’50 e ’60. Ed è particolarmente soddisfatto: Diciamo che è andata bene: ho portato lo stesso argomento nella mia tesina!».lasciato il “Fauser”, ci siamo spostati  al Liceo scientifico “Antonelli”. Luca Mazza di VF ha scelto l’ambito artistico e letterario, anche se l’anno prossimo studierà informatica. Gli chiediamo come è andata e cosa si aspetta da questi esami: «Bene, spero…almeno l’ho fatto. Sinceramente voglio diplomarmi e basta, proprio per poter guardare avanti». Nel frattempo esce dalla scuola anche Mattia Fusetti di VC, che si è cimentato in un saggio breve sulla robotica applicata all’economia che ha definito la sua prova «tutto abbastanza bene e per me anche interessante». Federica Arestia, classe VF, ha invece preferito la traccia di arte e letteratura perché le ha permesso di esprimere la sua passione per la musica. Però ci confida: «Le tracce in generale erano un po’ “noiosette”». Anche il suo compagno di classe Christian Pascolutti le ha trovate «non particolarmente interessanti». Gli abbiamo anche chiesto cosa abbia deciso di fare in futuro e ci risponde in due parole, sintetiche ma chiare: «Lettere e teatro». A completare il trio Daniele Crespi di VH, che ha scelto la traccia di ambito storico-politico e che conferma il giudizio degli amici.Per tutti ora la concentrazione è rivolta alla seconda prova scritta di oggi diversa per ogni istituto, alla terza prova di lunedì e poi gli orali. In bocca al lupo a tutti!Beatrice Forlini Maria Teresa Gagliano pagina a cura di Clarissa Brusati Leggi tutto il servizio sul Corriere di Novara di giovedì 22 giugno 2017 

Oggi il Bar del Baseball

| Sport Oggi sul canale You Tube IL BAR DEL BASEBALL NETTUNO e sul gruppo Facebook, andrà in onda la nona puntata de: IL BAR DEL BASEBALL - EXTRA INNING. Nell'improvvisato studio dello Steno Borghese, agli ordini del duo Gianluca Marcoccio e Massimo Ciamarra e del collaboratore del Bar, Emanuele Tinari sono intervenuti l'ex bandiera e manager del Nettuno, Ruggero Bagialemani e l'utility Nettuno Baseball City Vinicio Sparagna per parlare dell'ultimo turno di campionato tra Nettuno e Rimini. Come sempre dalla Romagna è intervenuto Carlo Ravegnani  (Baseball.it) per dirci la sua dal punto di vista dei vice campione d'Italia. Gianluigi Calestani  (Tuttobaseball) ed i giocatori Diego Fabiani ed Andrea Berinii ci raccontano il pari tra Parma e Padova.Presenza immancabile del Presidente Simone Pillisio e dell'addetto Stampa Loriano Zannoni per parlarci del pirotecnico 1-1 tra Novara e San Marino.I giocatori del Padule Massimiliano Geri e Livinston Santaniello ci diranno la loro sulla netta affermazione della capolista felsinea nel testacoda contro i toscani. Sempre puntuale il punto di Baseball.it con Davide Bartolotta,  il focus sulla ISL con Cristina Pivirotto (GrandeSlam) e l'analisi della Serie A Federale con Emanuele Tinarii per una puntata davvero inusuale ma sempre molto interessante.

«Da Agognate opportunità di lavoro»

| Novara Città NOVARA - La commissione comunale aveva molto insistito con il sindaco Alessandro Canelli, per chiedere un incontro con i proponenti del progetto che prevede di costruire ad Agognate un polo per la logistica integrata al servizio dell’e-commerce ed è stata soddisfatta. Ieri Eric Vèron ad di Vailog società londinese del Gruppo Segre si è presentato a palazzo Cabrino per rispondere alle domande dei consiglieri. Nella breve presentazione, Vèron  ha illustrato la dimensione internazionale della società «che vuole fare logistica di nuova generazione in Italia e in tutta Europa». Sono già stati realizzati diversi progetti dello stesso tipo «che hanno avuto successo – ha spiegato – e dato opportunità di lavoro. Progetti che hanno portato molto beneficio ai territori dove abbiamo investito». Il progetto precedente prevedeva l’utilizzo di seicentomila metri quadrati di terreno, l’attuale è stato ridimensionato a duecentomila per quali ragioni?«Non è per mancanza di ambizione – ha risposto Vèron – che abbiamo elaborato un progetto di questa forza, dieci ettari è la misura tipica di un immobile destinato all’e-commerce. Visto il contesto abbiamo lavorato su questa dimensione per partire con un primo progetto concreto e una volta constatato il successo, senza impegno per la Comunità, pensare di allargare. Un esempio a questo proposito è quello che è stato realizzato a Piacenza dove abbiamo iniziato ad investire tredici anni fa. Per sviluppare un’area grande sono necessari una decina di anni e anche a Piacenza il progetto iniziale era più ridotto. Oggi lì abbiamo seicentomila metri quadri e il polo impiega, secondo la stagionalità da tremila a cinquemila persone. L’investimento che proponiamo a Novara vale cinquanta milioni di euro. Non è per romanticismo che Novara è stata individuata, io abito a Londra – ha aggiunto – la vostra città risponde a tutte le caratteristiche necessarie per un insediamento di questo tipo: vicinanza del casello autostradale, una comunità che supera centomila abitanti e quindi è in grado di fornire la mano d’opera necessaria a breve distanza, trasporto pubblico e ci sono delle eccellenze». Mariateresa Ugazio Leggi di più sul Corriere di Novara di giovedì 22 giugno 2017

Piscina ancora chiusa, la caldaia non funziona

| Novara Città NOVARA - Continua la vicenda dell’apertura della piscina di via Solferino. Avrebbe dovuto aprire due settimane fa, poi avrebbe dovuto aprire venerdì scorso 16 giugno, poi avrebbe dovuto aprire “nei prossimi giorni” e invece, ad oggi, giovedì 22 giugno rimane ancora chiusa al pubblico. Sempre la scorsa settimana sui cancelli della struttura era comparso un biglietto “anonimo” e senza data che indicava l’apertura dopo una quindicina di giorni. Cartello peraltro che non avrebbe messo l’attuale gestore (Aqua Sport di Terni e Imperium di Roma che hanno costituito un’Ati, associazione temporanea d’impresa, ndr). Sulla vicenda dell’apertura continuamente rinviata è intervenuto anche il gruppo consiliare del Pd con un’interrogazione urgente. Intanto nella giornata di martedì 20 giugno si è tenuto un ulteriore incontro con sopralluogo in via Solferino e a tal proposito l'assessore allo Sport Federico Perugini, che ieri, con un comunicato ha fatto il punto sulla situazione.«Nella giornata di ieri (martedì per chi legge, ndr) – spiega nello scritto l’assessore Perugini - insieme con i dirigenti e i funzionari del Comune, ho incontrato il nuovo gestore della piscina di via Solferino. Per quanto di propria competenza, i tecnici del Comune stanno provvedendo in particolare agli interventi relativi alla caldaia. Siamo ora in attesa di comunicazione formale da parte del gestore sulla data ufficiale di apertura». Sembrerebbe, infatti, che il problema che impedisce l’apertura della piscina possa essere rappresentato da importanti criticità sopraggiunte e riscontrate alla centrale termica. «Vista la situazione - ha aggiunto l’assessore Perugini - il Comune sta provvedendo al noleggio di un gruppo termico compatto da esterni che permetterà di mettere in esercizio il sistema di riscaldamento dell’acqua. I gestori sono ottimisti sui tempi di realizzo che seguiranno; però, per non continuare a dare comunicazioni incomplete, ribadisco che ora siamo in attesa di una comunicazione formale da parte del gestore sulla data ufficiale di apertura». Quindi al momento ancora nessuna certezza, neppure una data ipotetica. «Come ho già detto in più occasioni, fin da quando abbiamo preso in mano l’intera questione, abbiamo sempre agito cercando di risolvere i problemi man mano che si sono via via presentati, nel minor tempo possibile e con la massima attenzione da parte di tutti i soggetti coinvolti. Anche perchè la stagione sta procedendo e quindi speriamo davvero di poterci riaggiornare al più presto e annunciare la tanto attesa apertura della piscina di via Solferino».Clarissa Brusati
22-06-2016
| Il rapinatore dell' MD
17-06-2016
| Bullismo: tre misure cautelari nei confronti di tre ventenni 
06-06-2016
| Rave party Granozzo
28-05-2016
| My Sweet Moon Dena 2016
26-05-2016
| Azzurro Valzer trailer
Vai alla sezione Fotogallery completa » Guarda tutti i video »
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
^ Top
"POPUP"