Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 22 settembre 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 15 maggio 2017, 7:47 p.

In 1.600 alla terza edizione della Granfondo Novara

Tre percorsi e le premiazioni con le campionesse della Igor Volley

NOVARA - Partenza da piazza Martiri alle 9 di ieri mattina per la 3ª edizione della “Granfondo Novara”, sotto l’egida del main sponsor “Marcello Bergamo”. Pianificata impeccabilmente da Vittorio Mevio, presidente del Gruppo Sportivo Alpi Sondrio, la gara ha coinvolto la bellezza di 1.600 corridori, di cui 80 donne, tra appassionati ed ex professionisti. Tre i tragitti stabiliti e raccordati su un vasto territorio che ha coinvolto non solo il Novarese ma anche le province di Biella e Vercelli, le tre Prefetture e circa 30 comuni. Per non parlare dei 60 mezzi a disposizione, tutti rigorosamente dotati di satellitare e dei 240 volontari posizionati lungo il tragitto. «Mettere d’accordo tutti non è stato facile – ha commentato Mevio – anche perché questo tipo di manifestazioni devono assolutamente essere regolamentate in ogni dettaglio e la differenza la fa la sicurezza. Quando l’Amministrazione comunale mi ha proposto di organizzare l’evento, pensavo ad una location di un certo tipo e ho scelto subito piazza Martiri perché la prima volta che l’ho vista me ne sono innamorato». Per rendere l’idea della programmazione, ad ogni ciclista è stato inserito un chip vicino alla ruota, che al chilometro 50 ha determinato quale dei tre percorsi scegliere; se quello più impegnativo di 171.3 km e 2.235 metri di dislivello, “medio” di 148.8 km e 1.762 metri di dislivello o “corto” di 124.3 km e 889 metri di dislivello. A premiare i vincitori, in una gremitissima piazza Martiri, la squadra di Volley dell’Igor Novara neo campione d’Italia a rendere l’evento ancora più spettacolare. Per la Granfondo maschile primo posto per Andrea Gallo del Team Isolmant (04:51:51); si aggiudica la Granfondo femminile Erica Magnaldi del Team De Rosa Santini (05:11:43); Mediofondo maschile a Niki Giussani del Team Marville (04:04:02); Mediofondo femminile ad Annalisa Prato del Team De Rosa Santini (04:32:18); Fondo maschile a Federico Vilella dell’Asd Amici Comaschi Del Ciclismo (03:11:44); Fondo femminile a Chiara Costamagna Chiara del Team De Rosa Santini (03:22:13).

Massimo Centrella

Articolo di: lunedì, 15 maggio 2017, 7:47 p.

Dal Territorio

Spezia -Novara 1-0

Spezia -Novara  1-0
Trasferta negativa in terra ligure per il Novara che perde di misura a La Spezia. Decide un gol di Marilungo che sfrutta al meglio un calcio d'angolo. Il Novara presobil gol non riesce a rendersi pericoloso per tutto il primo tempo. Nella ripresa gli azzurri dimostrano più intraprendenza e creano un paio di palle gol senza però trovare la rete. Il risultato non cambia e per(...)

continua »

Altre notizie

Sequestrato impianto abusivo di smaltimento rifiuti a Novara

Sequestrato impianto abusivo di smaltimento rifiuti a Novara
NOVARA, Sigilli a un impianto abusivo di smaltimento di rifiuti a Novara e anche cinque denunce.  È l'esito di un'operazione svolta negli scorsi giorni dal Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri Forestale di Novara, avviata nel mese di maggio scorso. L’attività aveva consentito di individuare un centro di smaltimento illecito di rifiuti, operante a Novara.(...)

continua »

Altre notizie

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”
NOVARA - Si svolgerà domenica 24 settembre la prima edizione della  “Pedalata Cicli storici”  organizzata dalla Pro loco Novara con il patrocinio del Comune e dell’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara. La pedalata prevede il ritrovo in piazza Gramsci alle 8, quindi la partenza alle 9.30 per Olengo, Terdobbiate, Cascina Barzè,(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top